La Russia adotta infine la legge Bitcoin, che legittima il commercio di crittografia

Bitcoin

La Federazione Russa ha giocato per anni con la prospettiva di legalizzare le crittocittà – o di vietarle – per anni. Questa settimana il Paese ha fatto notevoli progressi con quest’ultima. Ieri, l’agenzia di stampa locale Regnum ha riferito che la Duma di Stato russa – l’organo legislativo del Paese – ha approvato un disegno di legge che prevede la legalizzazione delle crittocittà.

Via libera per „Sulle attività finanziarie digitali“

Intitolato „On Digital Financial Assets“, il crypto bill è ora alla sua terza lettura. Mette fine a un viaggio di due anni in cui le valute crittografiche hanno cercato di essere accettate nella nazione ricca di petrolio. La sua adozione nel Paese è ora prevista per il 1° gennaio 2021.

„Sulle attività finanziarie digitali“ è stato introdotto per la prima volta alla Duma di Stato da un gruppo di deputati. Presieduti da Anatoly Aksakov, il presidente del Comitato per i mercati finanziari della Duma di Stato, i deputati avevano agito su istruzioni del presidente Vladimir Putin per l’adozione delle valute crittografiche entro il luglio 2018.

Il disegno di legge ha definito, tra l’altro, le valute crittografiche e i gettoni come attività finanziarie digitali. In questo modo, individui e società possono detenere e scambiare i beni, anche se ciò può essere fatto solo attraverso operatori di scambio autorizzati. Il disegno di legge ha anche stabilito norme antiriciclaggio (AML) e Know-Your-Customer (KYC) per le offerte iniziali di monete (ICO).

All’inizio di quest’anno, i registri ufficiali della Duma di Stato hanno rivelato che il disegno di legge ha eliminato i reati penali per l’uso delle valute crittografiche. Si trattava di una notizia particolarmente buona, in quanto l’anno scorso era emerso che il governo russo si stava adoperando per vietare completamente l’uso e il commercio delle valute crittografiche.

La bozza finale del disegno di legge definisce legalmente i beni digitali in Russia e legittima il commercio di crittografia. Tuttavia, un aspetto significativo che sembra non avere successo riguarda l’accettazione della Crypto Trader come metodo di pagamento.

Mentre il disegno di legge fornisce le basi per la legittimazione delle valute crittografiche da parte del paese, c’è ancora molto lavoro da fare per portare questo obiettivo oltre la linea di confine. Vale la pena di notare che c’è un disegno di legge separato nella Duma di Stato che mira a completare il lavoro di regolamentazione.

Tale disegno di legge si intitola „Sulla moneta digitale“. Come riferisce il Regnum, la Duma prevede di approvare il disegno di legge durante la sua sessione autunnale – che si concluderà verso la fine dell’anno. Bit

Il Cripto Futuro della Russia sta prendendo forma

L’adozione di entrambi i progetti di legge potrebbe rendere la Russia una nuova frontiera per lo spazio cripto. Negli ultimi mesi il Paese ha avuto un rapporto di amore-odio con le crittocittà, e l’incertezza normativa è stata molto forte.

Nonostante l’incertezza, tuttavia, la Russia continua a vedere una fiorente attività Bitcoin. I dati dell’aggregatore di mercato delle monete criptate Coin Dance hanno mostrato che a maggio la Russia ha rappresentato il 20% di tutti i volumi commerciali sullo scambio di crittografia peer-to-peer LocalBitcoins. La pietra miliare ha segnato il secondo mese di fila che la Russia ha superato le metriche commerciali dello scambio. All’epoca, la stessa LocalBitcoins sosteneva che stava iniziando ad attirare l’attenzione sul Paese. Parlando con il Cointelegraph, un portavoce dello scambio ha detto:

„Stiamo seguendo la situazione legale in Russia. Speriamo che il popolo russo continui ad avere accesso a Bitcoin e ai suoi benefici anche in futuro“.

Fatture come „On Digital Currency“ e „On Digital Financial Assets“ potrebbero portare un futuro in cui i russi avranno un migliore accesso alle valute crittografiche.